lunedì 1 agosto 2016

Burger alla rapa rossa con riso e lenticchie


Ed eccomi tornata dalle mie vacanze in montagna come molti di voi già sapranno tramite la mia pagina facebook. Come ogni anno è difficile per me tornare poi al mio paese qui in pianura senza quel panorama mozzafiato che ci aspettava ogni mattina appena mettevamo la testolina fuori dalla tenda. E' qualcosa di difficile da spiegare.. quel profumo di aria pulita, di abeti, quell'aspettare il sorgere del sole da dietro la montagna per scaldarci un po', il Catinaccio imponente proprio davanti a noi con le sue rocce maestose... Lì mi sento davvero a casa ecco! 

E quest'anno ancora di più sentivo il bisogno di staccare, di allontanarmi da questo luogo che mi ricorda troppo alcune delusioni recenti che mi hanno portata ad avere un mal di testa cronico per i troppi pensieri, i sogni ricorrenti in alcune mie notti...e magicamente qualche giorno prima di partire per la montagna, quando la mia mente finalmente si era un po' liberata dai brutti pensieri, il mal di testa se n'è andato e da quel giorno sembra essere sparito. La montagna è stata in grado di guarirmi o almeno, guarire il mal di testa, ma la delusione, quella rimarrà per sempre purtroppo perchè ci sono persone che sanno ferire, persone che credi di conoscere, alle quali dai tutta te stessa mettendole davanti anche alle tue esigenze pur di vederle felici ma poi quelle persone all'improvviso ti annullano con un'indifferenza ed un gelo disarmanti. Ed è lì che capisci di essere troppo diversa dalla massa, di essere troppo buona e comprensiva, di dare troppo agli altri pensando meno a te stessa... e la montagna mi ha fatto capire anche questo, di dover lavorare più su di me e di capire chi davvero merita il mio affetto e la mia comprensione. 
Non parlo spesso di me su questo blog, anzi lo evito più che posso ad essere sincera ma questa volta sentivo il bisogno di condividere qualcosa con voi, sentivo il bisogno di farvi conoscere comunque anche una piccola parte di me, una parte fragile ma che negli anni si è rinforzata anche grazie alle delusioni ahimè. 
E voglio anche ringraziare voi che mi seguite sempre in tanti anzi, proprio qualche giorno fa la mia pagina facebook ha raggiunto i 5000 mi piace e quindi vi ringrazio davvero di cuore per il vostro calore e il vostro sostegno!
Questa ricetta la dedico a questo traguardo, è un semplice ed ottimo piatto unico perchè contiene cereali, legumi e verdure quindi direi un piatto studiato anche per i bambini dai gusti più difficili, ed è pure senza glutine! Quindi provateli e fatemi sapere! ;-)

Ingredienti per circa 10 burger:
1 rapa rossa media
1 piccola zucchina
1 piccola carota
1 piccola cipolla
1 spicchio d’aglio
½ peperone giallo
200 g di riso semintegrale pesato cotto
200 g di lenticchie pesate cotte
Un bel mazzetto di erba cipollina
Paprika affumicata (o paprika dolce)
Curry
Sale
Pepe
olio evo
3 cucchiai di lievito alimentare
Qualche cucchiaio di farina di mais precotta

Procedimento:
Cuociamo in acqua leggermente salata la zucchina, la carota e la rapa rossa finchè non risulteranno tenere. Mentre si raffreddano facciamo soffriggere la cipolla e l'aglio tritati in una padella con un po' d'olio evo, aggiungiamo anche il peperone a pezzetti e facciamo cuocere per qualche minuto aggiustando di sale e aggiungendo un po' d'acqua all'occorrenza. 
Ora frulliamo grossolanamente il riso, le lenticchie e il soffritto con il peperone e versiamo poi in una ciotola. Aggiungiamo la zucchina, la carota e la rapa rossa schiacciate per bene con una forchetta e uniamo anche le varie spezie, il sale e il lievito alimentare. Amalgamiamo bene il tutto e aggiungiamo della farina di mais precotta fino a raggiungere la giusta consistenza da poter lavorare con le mani. 
Ora mettiamo in frigo a riposare per un'oretta e trascorso questo tempo formiamo con le mani inumidite i nostri burgers. Scaldiamo per bene una padella antiaderente senza olio e cuociamo i burgers da entrambi i lati per qualche minuto finchè non si sarà formata una bella crosticina. 
Possiamo servirli con dell'insalata fresca e delle salse o con delle patate al forno oppure sono buonissimi anche dentro ad un panino farcito come più vi piace. 


E ora vi regalo anche alcuni scatti del mio angolo di paradiso, le Dolomiti! 





























4 commenti:

  1. Michela, ma tu sei o vieni dalle mie parti? Io vivo a Bolzano ....Ti seguo sempre :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, no io vivo in provincia di Verona ma ogni anno andiamo in Val di Fassa...adoro quei posti!!!

      Elimina
  2. Ciao Michela, innanzitutto complimentissimi per il tuo sito che ho appena iniziato a scoprire. Senti ora mi informerò di più sulla reperibilità del lievito alimentare dalle mie parti ( abito a londra) ma credo che l'unico posto dove potrei reperirlo sia online o a un supermercato bio che però non è molto vicino a dove viviamo seppur sempre in centro. Dato che l'ho già scorto in qualche ricetta , ha un importanza fondamentale per la riuscita della ricetta ( ad es. in questo caso?)
    Grazie in anticipo e complimenti anche per le foto, noi siamo appassionati di montagna e passiamo le ns estati in Valmalenco, provincia di Sondrio.
    Ciao Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, sei gentilissima ti ringrazio! Il lievito alimentare non è fondamentale nelle ricette, diciamo che serve a dare un po' di gusto in più quindi se proprio non ce l'hai puoi ometterlo.
      Anche noi adoriamo la montagna e appena possiamo ci andiamo!

      Un abbraccio

      Elimina