giovedì 17 aprile 2014

Crostatine crudiste ai mirtilli


Ultimamente sto sperimentando dei dolcetti crudisti, sono semplici, veloci, senza bisogno di cottura, buoni e sani. Direi davvero un'ottima merenda anche per i bimbi! Il problema, almeno per me, rimane comunque il costo elevato per la produzione di questi dolci. La frutta secca costa parecchio purtroppo! 
Comunque, mentre stavo per fotografare queste crostatine, mi sono detta "Mai io queste le ho già viste da qualche parte" e così sono andata a controllare tra le varie blogger che seguo ed eccole le Tartellette crudiste con panna montata e mirtilli al cocco di Peanut che seguo sempre con enorme piacere e che trovo una splendida persona.
Probabilmente mi erano piaciute talmente tanto che erano rimaste impresse nella mia mente e, anche se gli ingredienti sono diversi, l'aspetto è davvero molto simile! 


Ingredienti base (per 5 crostatine):
100 g di mandorle
5 albicocche secche

Ingredienti ripieno:
70 g di anacardi
2 cucchiai e mezzo di sciroppo d’agave
1 pizzico di vaniglia
½ cucchiaio di olio di cocco
Buccia grattugiata di un piccolo limone
mirtilli

Procedimento:
Cominciamo preparando la base semplicemente frullando le mandorle e aggiungendo poi anche le albicocche secche. Otterremo un impasto appiccicoso che stenderemo con le dita in degli stampi per muffin formando delle basi per crostatine. Mettiamole a riposare in frigo per mezz'oretta circa.
Nel frattempo prepariamo la crema frullando gli anacardi (che avremo messo in ammollo in acqua per almeno un paio d'ore) insieme allo sciroppo d'agave, la vaniglia, la buccia grattugiata di limone, l'olio di cocco e poca acqua. Frulliamo fino a che non otterremo una crema bella lisca o quasi.
Riprendiamo dal frigo le basi e riempiamole con la crema. Decoriamo con qualche mirtillo e rimettiamo in frigo per un'altra oretta o fino al momento di mangiarle. 




22 commenti:

  1. carine ed invitanti :)
    ho una domanda: l'olio di cocco è solido (cremoso) giusto? si potrebbe sostituire con altro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'olio di cocco è solido. Puoi pure ometterlo, serve solo per rendere la crema un po' più compatta ma non cambia moltissimo se non lo metti. Basta che ti regoli con l'acqua quando frulli gli anacardi, devi metterne poca. :-)

      Elimina
    2. Grazie :)
      Ho finalmente trovato il mio dolcetto per il pranzo di Pasqua :))

      Comunque complimenti per il blog, davvero bello e ...goloso :P

      Elimina
    3. Ti ringrazio tanto! Poi mi dirai se ti sono piaciute! ;-)

      Elimina
  2. Ciao Michela, devono essere buonissime :-) anch'io ultimamente sono attirata dai dolci crudisti, ma devo ancora mettermi a sperimentare di persona! Aspetto l'ispirazione...e soprattutto un mixer (a Milano non ce l'ho)! Intanto guardo i tuoi :-D A prestooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manuela! Eh eh, un mixer è una cosa fondamentale in queste preparazioni. Io ho un piccolo tritatutto che fa anche troppo per le sue capacità, speriamo non si rompa (ne ho già rotti due!).

      A presto ;-)

      Elimina
  3. Michelaa!! È vero, sembrava proprio di averle già viste anche a me! ahaha :D sí, ci somigliano ;)
    Anch'io sto andando di dolcetti raw, anche se non tanto largamente quanto vorrei proprio per il costo, ti ritrovi a farne pochi per volta e un due balletti son già finiti :(
    Buonissime comunque, mi è tornata voglia!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima! Come ti capisco, anch'io ne mangerei molti di più ma il costo è troppo elevato! Devo accontentarmi dei classici dolci da forno! ;-)

      Un bacione

      Elimina
  4. ciao micky.queste crostatine sono buonissime e belle da vedere.Quoto il tuo pensiero sul costo dei dolci crudisti.Io ne farei di più, ma mi piange il cuore quando penso alla spesa, allora li riservo per le occasioni speciali.Proprio oggi ho speso un botto di soldi per le noci pecan (che custodisco gelosamente e ne mangio 2/3 di numero anche se mi piacciono tantissimo, una volta la settimana e il burro di cocco (che non è olio di cocco, è una cosa diversa).così come i semi di canapa, ne uso 1/2 cucchiai ogni tanto in qualche ricetta.a meno che non diventi milionaria, mi devo limitare.
    un bacione e complimenti ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina, ormai ho capito che per diventare crudisti bisogna essere messi abbastanza bene economicamente. Non è per tutti purtroppo!
      Anch'io ogni tanto compro delle cose che poi cerco di mangiare una volta ogni tanto proprio per la spesa elevata fatta.
      Ma spiegami una cosa...il burro di cocco cos'ha di diverso dall'olio di cocco? Non l'ho mai visto in giro.

      Un bacione a te

      Elimina
    2. ciao micky.Guarda questo sito, che è spiegato molto bene (i prodotti crudisti li compro svenandomi da loro ).
      http://www.cibocrudo.com

      Elimina
  5. Anchìio in pieno periodo di sperimentazione crudista... i dolci danno davvero tanta soddisfazione, è vero che il costo è alto, per fortuna sono anche piuttosto riempienti! Secondo me il costo di alcuni prodotti viene compensato dal fatto che non se comprano di altro tipo e che non si usa il forno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daria, i dolci crudisti sono davvero buonissimi! Li ho scoperti da poco e già me ne sono innamorata!

      Elimina
  6. Che meraviglia queste crostatine...si fanno mangiare con gli occhi :) Oltre al costo elevato purtroppo i dolci crudisti hanno anche moltissime calorie...dovendo stare attenta alla linea e al portafogli anche io, a malincuore, li mangio poco spesso :( Questa tua ricettina è sicuramente da tenere in serbo per quelle occasioni ;) Un bacione e a presto :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, anch'io non me li posso permettere molto spesso purtroppo. Però basta farne una dose ridotta e si possono fare con un po' più di frequenza. Per quanto riguarda le calorie penso possano benissimo sostituire un pasto questi dolci! ;-)

      Elimina
  7. Ma che meraviglia, da leccarsi i baffi!!Bellissime da vedere ma devono esser anche buonissime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie!!! Buonissime lo erano davvero! :-)

      Elimina
    2. Infatti le ho provate e sono piaciute tantissimo!! Grazie!!

      Elimina
    3. Che bello!!! Mi fa davveroo molto piacere!

      Elimina
  8. Ciao Michela, questi dolcetti devono essere golosissimi :-)
    Ho apprezzato la scelta di legare le mandorle della base con le albicocche secche, è la soluzione che preferisco tra quelle che ho sperimentato fin qui, almeno per le basi crudiste. Le albicocche hanno quel sentore fresco e acidino che ricorda la pastafrolla tradizionale con la buccia di limone.
    Oltre a diventare matta per la frutta secca mi ammazzo di frutti di bosco.. anche quelli non sono proprio tra gli ingredienti economici.. così quest'anno sono partita con l'autoproduzione!! Lamponi, mirtilli e ribes! Crescete piantine, cresceteeee!
    a presto
    lucy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daiii, davvero hai piantato i frutti di bosco? Se mi dici che crescono facilmente, allora ci provo anch'io che li adoro!!!
      Comunque anche secondo me le mandorle con le albicocche secche si trovano benissimo insieme! Comunque continuerò a sperimentare! ;-)

      Elimina